Scegliere il chirurgo estetico

Scegliere-Chirurgo-estetico

Come scegliere il chirurgo estetico?

Siccome un intervento di chirurgia plastica non è uno scherzo e va affrontato seriamente, ci sono alcuni aspetti che vanno necessariamente valutati prima di scegliere il chirurgo  estetico.

L’enorme diffusione delle cosiddette cliniche low-cost, quelle che offrono interventi di chirurgia plastica a prezzi stracciati, ha trasformato la Medicina Estetica in business. Questo, però, apportato a delle conseguenze spesso drammatiche sull’aspetto dei pazienti, che incuriositi da preventivi economici si sono affidate a professionisti incompetenti.

4 punti da considerare, prima di scegliere il chirurgo estetico

Bisogna considerare che un intervento è una scelta importante, motivo per cui è sempre sconsigliabile verificare con attenzione quegli aspetti che fanno la differenza.
Cerchiamo però di capire quali sono.

Specializzazione del medico

Varie indagini nel settore, hanno accertato che a fronte di 1500 medici che praticano la chirurgia estetica, solo 400 sono realmente specializzati in Chirurgia Plastica Ricostruttiva ed Estetica.
Questo succede perché in Italia, per effettuare un intervento di chirurgia plastica, basta la laurea in medicina, che però non offre alcuna preparazione specifica per questo tipo di operazioni.
Prima di affidarsi a un medico, quindi, è sempre necessario verificare se possiede la specializzazione adeguata.

Esperienza e aggiornamento

Aver maturato esperienza nel campo della chirurgia estetica è l’unico modo in cui il medico possa garantire la sua professionalità.
La chirurgia estetica è  una materia che necessita di esperienza; solo così si può imparare a gestire eventuali cambiamenti nella paziente o imprevisti.
Eventuali aggiornamenti, poi, sono necessari per essere sempre al passo con l’evoluzione di una disciplina proiettata verso il futuro.

Sensibilità estetica del chirurgo

Spesso sottovalutato, questo è invece un punto fondamentale nella scelta di un chirurgo estetico. I cambiamenti che proporrà saranno definitivi, pertanto è necessario approfondire tutti i dettagli dell’operazione, sopratutto quelli relativi ai risultati da conseguire. Un medico che non presti attenzione a questa fase del rapporto con la paziente non è, quindi,  un medico affidabile.

Livello della struttura

Un intervento estetico necessita di anestesia, pertanto è importante che la struttura in cui si effettua sia adeguatamente attrezzata e dotata di personale sanitario preparato.

Possiamo comunque concludere questo articolo dicendo che, una volta appurati tutti questi aspetti, rimane la questione del feeling personale.
Scegliere il chirurgo estetico è importante: è necessario che interagisca con la paziente, capisca le sue preoccupazioni e sia in grado di rispondere alle sue domande.

Come scegliere un chirurgo estetico

Come-scegliere-chirurgo-plastico

Prima di ricorrere alla chirurgia plastica è importante capire come scegliere chirurgo estetico. Infatti, è un momento importante che non deve essere sottovalutato, ma pensato con molta attenzione per evitare spiacevoli inconvenienti.

Quando si decide di sottoporsi ad un intervento di chirurgia estetica, i dubbi sono molto e spesso ci domandiamo: come scegliere il chirurgo estetico competente? Deve avere una specialistica? Deve avere delle certificazioni?

Come scegliere un chirurgo plastico 

Non si deve essere frettolosi nella scelta: bisogna raccogliere più informazioni possibili per capire l’esperienza e la competenza del medico.
Infatti, è importante verificare che il chirurgo estetico sia iscritto all’ordine dei medici per gli interventi di medicina e chirurgia estetica.
Proprio per questo motivo si deve diffidare dai commenti presenti sui forum di chirurgia plastica o del passaparola, poiché non bastano a definire un buon chirurgo plastico.

Come valutare il chirurgo estetico

Per capire esattamente se si tratta di un bravo chirurgo estetico e plastico dobbiamo sempre verificare che sia laureato in Medicina e che abbia conseguito la specialistica in Chirurgia Plastica Ricostruttiva ed Estetica; si può controllare sul sito www.sicpre.org, sito ufficiale della Società Italiana di Chirurgia Plastica, Ricostruttiva ed Estetica (S.I.C.P.R.E.)

Inoltre, deve aver maturato un’esperienza nel campo di almeno un quinquennio. La specializzazione del chirurgo non basta a valutarlo correttamente, proprio per questo è altrettanto importante il suo grado di aggiornamento, cioè la sua frequenza di partecipazione a corsi di aggiornamento e congressi.

Quanto contano le sue pubblicazioni

Mettere in discussione le proprie esperienze, mediante le pubblicazioni, sui palcoscenici scientifici di congressi e meeting nazionali ed internazionali dà la possibilità al chirurgo di verificare le proprie esperienze e teorie e di ricevere la cosiddetta “validazione scientifica” di altri autorevoli specialisti internazionali. Le pubblicazioni non sono da sottovalutare quando ci domandiamo: come scegliere un chirurgo estetico?

L’importanza della priva visita

Per capire se abbiamo davanti un bravo chirurgo plastico è opportuno prenotare una prima prima visita e verificare che essa sia completa, dettagliata e che soddisfi le nostre aspettative. deve anche essere chiaro ed illustrare gli eventuali rischi dell’intervento e delle concrete possibilità di realizzazione in modo chiaro e comprensibile. Inoltre, un buon chirurgo deve anche aiutarci nella scelta del trattamento estetico più indicato alle esigenze del paziente, senza stravolgere l’armonia del proprio aspetto.

Requisiti della struttura clinica

La struttura in cui lavora deve rispettare determinati requisiti di sicurezza e igiene.

Ginnastica facciale

Non è solo il fisico ad aver bisogno di tenersi in forma, ma anche il viso, ecco perché la ginnastica facciale.
Sapevate che sono settanta i muscoli che percorrono il nostro volto? E tenerli in allenamento è importantissimo, perché ci farà sembrare più giovani, donandoci un aspetto più fresco.

Non ci crederete, ma smorfie e movimenti facciali devono entrare a far parte di una beauty routine quotidiana, se si desidera avere una pelle più tonica, levigata e luminosa. Bastano 15 minuti di allenamento ogni giorno, e i risultati saranno sorprendenti!

Ginnastica facciale: lo yoga del viso

La ginnastica facciale (o yoga del viso) serve ad allargare e allungare i muscoli facciali, in modo da renderli più sodi e tonici e ringiovanire il viso. Si tratta di una vera e propria ginnastica anti-age che previene e addirittura riduce le rughe, ponendo rimedio anche al rilassamento cutaneo.
Bastano alcuni semplici esercizi da fare davanti allo specchio (la mattina o la sera), guardiamoli insieme.

  • Esercizio numero 1

Prima di distendersi, tutti i muscoli hanno bisogno di essere riscaldati. In che modo? Pronunciando 3 vocali, sonore o mute, che sono la I, la A e la U. Queste lettere vanno ripetute diverse volte anche al contrario, enfatizzandole molto.

  • Esercizio numero 2

Si chiama la grande O, e serve per il lifting della parte bassa del viso. Basta fare una O molto lunga con la bocca, andando a coprire i denti con le labbra, distendendo tutta la parte laterale della bocca.

  • Esercizio numero 3

Per distendere le zampe di gallina, invece, bisogna posizionare le mani sulle tempie, avendo cura di appoggiare la base del palmo all’angolo degli occhi e delle sopracciglia, premendo e tirando in su e indietro. Questo esercizio distende tutta la parte alta della palpebra, e si può ripetere dalle 3 alle 5 volte, per 10-20 secondi.

  • Esercizio numero 4

Un altro esercizio per rilassare tutta la zona del globo oculare si effettua posizionando tre dita sotto le sopracciglia, tirando in su e verso l’esterno, distendendo tutta la parte al centro delle sopracciglia, molto soggetta a rughe di espressione.

  • Esercizio numero 5

L’ultimo esercizio è quello contro il doppio mento. Pronunciando la lettera A in maniera rilassata, bisogna coprire i denti con il labbro inferiore, spingendo in avanti il mento e distendendo tutta la parte bassa del collo. In questo modo si riesce a tonificare tutta la parte inferiore della mandibola.

La ginnastica facciale non fa miracoli, ma praticata regolarmente, può contribuire a migliorare l’aspetto e il tono del viso. E dove la ginnastica non arriva, potete affidarvi agli specialisti di TheClinic, che offrono soluzioni su misura per ogni esigenza di bellezza.