Lipofilling glutei

lipofilling-glutei-

Grazie al reimpianto del proprio grasso corporeo, il Lipofilling glutei è in grado di ridefinire un lato B cadente o poco evidente. Anche di correggere difetti post-traumatici o post-chirurgici.

Il Lipofilling glutei è un intervento chirurgico efficace e sicuro per ridefinire la regione glutea, utilizzando il proprio grasso corporeo. I vantaggi di questa nuova tecnica sono notevoli:

  • Il risultato è permanente.
  • Non ci sono rischi di allergie o rigetti.
  • Assicura un risultato del tutto naturale.
  • Permette la riduzione della massa adiposa delle aree dove è maggiormente concentrata.
  • È un intervento estremamente sicuro, in virtù della sua scarsa invasività.

Come si effettua il Lipofilling glutei

La procedura del Lipofilling glutei è estremamente semplice. Si esegue in sala operatoria, in regime di anestesia generale oppure spinale.

Per rimodellare i glutei è necessario aspirare almeno 200-250 cc di grasso dalla zona donatrice, operazione che verrà effettuata mediante una cannula, che lascerà delle cicatrici di circa 3mm; vale a dire delle dimensioni dell’ago da prelievo. Una volta aspirato, il grasso verrà immesso in uno speciale macchinario, che provvederà a depurarlo e ad arricchirlo di cellule staminali, trattamento necessario per poterlo reimpiantare nei glutei.

Una volta trattato, il grasso del paziente verrà reimmesso nella regione glutea, mediante piccolissimi aghi, che non lasceranno alcuna cicatrice.

Indicazioni e complicanze 

Data la natura dell’intervento, per poter ricorrere al Lipofilling glutei è necessario disporre di accumuli di grasso per il prelievo, motivo per il quale questo trattamento non è realizzabile in caso di corporature molto magre.

Dopo l’intervento si avrà dolore ed ecchimosi sull’area trattata, ma sarà possibile sottoporsi a trattamenti Tecar fin dal primo giorno, per alleviare i sintomi. Per un mese intero, invece, sarà necessario indossare una guaina compressiva e si dovranno evitare massaggi e pressioni di ogni genere.

Nel Lipofilling glutei le complicanze sono davvero molto rare, ma possono comprendere ematomi, asimmetrie, eventualmente correggibili con ulteriori trattamenti, e infezioni.

La ripresa delle attività quotidiane è praticamente immediata: si potrà tornare al lavoro già dal giorno dopo, mentre per sport e lunghe camminate sarà opportuno attendere almeno una settimana.

Protesi tonde o anatomiche?

La scelta tra protesi tonde o anatomiche è una decisione chiave nel processo di aumento del seno.

La comunicazione tra paziente e chirurgo estetico è fondamentale per garantire che vengano affrontati i malintesi. La scelta delle protesi dovrebbe basarsi su una combinazione di desideri del paziente, anatomia e storia chirurgica.

Infatti, è importante sapere che in base al modello scelto, il chirurgo estetico specializzato può ottenere nella stessa donna risultati molto diversi. La scelta, dunque, condiziona il risultato finale e deve essere valutata attentamente se si vuole ottenere un effetto naturale e armonioso.

Protesi tonde o anatomiche?

Le protesi mammarie di ultima generazione sono composte da gel e si dividono in due grandi categorie: le protesi tonde o anatomiche. Nonostante l’opinione comune che le protesi anatomiche portino un migliore risultato, non sempre questo corrisponde a verità.

Protesi rotonde

Le protesi rotonde sono state le prime ad essere introdotte in commercio. Nonostante il nome, non sono protesi davvero rotonde, ma hanno una forma grossolanamente cupoliforme e simmetrica. Sono disponibili in un’ampia gamma di misure, per adattarle perfettamente alle esigenze di ogni paziente. Le protesi rotonde riempiono maggiormente la parte superiore del seno,  motivo per cui sono molto richieste dalle pazienti che desiderano maggiore volume.

Protesi anatomiche

Le protesi anatomiche hanno una forma grossolanamente a goccia, per mimare la naturale forma della mammella: anche loro possono essere adattate scrupolosamente alla tipologia di paziente.

Maggiori informazioni

In verità la stessa protesi rotonda, quando sottoposta alla forza di gravità, assume già una forma molto più fisiologica e naturale. Rispetto alle anatomiche riuscirà a riempire meglio il polo superiore, donando una mammella più piena e dall’aspetto giovane.

Al contrario la protesi anatomica è nata per quelle situazioni in cui la protesi rotonda non può dare buoni risultati: può essere una buona scelta in caso di protesi sottoghiandolari, mammelle con base piccola, pazienti con cute e sottocute molto sottili.

La forma della protesi scelta, che sia una protesi rotonda o anatomica, non rappresenta dunque un fattore fondamentale per la riuscita o la durata di un risultato naturale, che invece è dipendente da molteplici fattori che includono non solo il tipo di protesi, ma anche la scelta del piano retroghiandolare, retromuscolare o dual-plane, la correzione di difetti di forma della ghiandola mammaria, la personalizzazione della tecnica chirurgica in funzione della forma del torace e di eventuali asimmetrie di ghiandola.

Fondamentale per la paziente che decide di sottoporsi ad una mastoplastica additiva è accertarsi della qualità e certificazioni delle protesi. La scelta del posizionamento delle protesi se inserirla dietro il muscolo, sotto la ghiandola o con tecnica dual-plane è una decisione che dovrà prendere il vostro chirurgo estetico di fiducia.

Come si vede le variabili in gioco sono davvero tante, e si può fare una scelta accurata solo dopo un’attenta visita medica, valutando la tipologia di paziente, di cute e di mammella, ma anche i desideri e le aspettative della paziente, che sono la cosa più importante per il chirurgo.

Soft mastoplastica

Per chi sogna un décolleté nuovo, ma teme un’operazione complessa di mastoplastica additiva, la chirurgia estetica propone la soft mastoplastica, in grado di donare risultati sorprendenti più velocemente di quanto si possa pensare.

Molte donne desiderano avere un seno in armonia con il proprio corpo, essendo questo l’emblema della femminilità praticamente da sempre.
In genere si rivolgono al chirurgo plastico per questo genere d’intervento donne che, in seguito ad uno sviluppo poco evidente della mammella, di una gravidanza o di una drastica perdita di peso, si ritrovano con un seno particolarmente piccolo, svuotato, privo di tono.
Il punto è che alterazioni anche lievi della forma o del volume mammario, possono essere motivo di perdita di autostima, e possono avere ripercussioni sulla sfera psicologica e sulla vita sociale della persona.

In che modo aumentare il seno in modo contenuto?

Una recente indagine ha evidenziato che, nonostante una percentuale altissima di donne gradirebbe apportare un aumento alle dimensioni del proprio seno, solo il 3% di queste ultime si dichiara disponibile a sottoporsi all’intervento di chirurgia plastica.
E le motivazioni sono svariate, soprattutto dipendenti dall’entità dell’operazione:

  • La paura dell’anestesia generale
  • I costi dell’intervento tradizionale
  • La paura del dolore post-operatorio
  • La lunghezza del ricovero
  • Il timore che l’inserimento di protesi mammarie dia un risultato eccessivamente finto

Ed ecco che, di fronte a questo tipo di incertezze, la chirurgia estetica offre una nuova soluzione, un intervento che prevede un piccolo aumento del seno, soft e molto naturale. Viene inserita una protesi mammaria di dimensioni che non superano un certo volume, con una procedura chirurgica più economica, veloce e poco invasiva.

In cosa consiste la soft mastoplastica?

  • Protesi contenute che donano un effetto naturale
  • Anestesia solo locale
  • Risultato in perfetta armonia con il proprio corpo
  • Dolore quasi assente
  • Dimissioni dopo 1-2 ore dall’intervento
  • Costi quasi inferiori rispetto all’intervento classico di mastoplastica additiva

Anche in questo caso, proprio come per ogni operazione, è assolutamente necessario rivolgersi alle persone giuste, che sappiano in che modo intervenire in base alle esigenze di ogni paziente, concordando insieme aspettative e risultati.
Se desideri saperne di più, rivolgiti alla clinica della bellezza theClinic, nel cuore di Milano. La sua equipe di medici specialisti potrà guidarti nella scelta più giusta per te e per la tua femminilità.

Mastoplastica additiva e mastopessi

Gli interventi al seno, come la mastoplastica additiva o la mastopessi, sono gli l’interventi più richiesti dalle donne italiane. Inoltre, la costante innovazione in ambito medico permette di ottenere ottimi risultati in tempi sempre più brevi.

Avere un seno più grande, con una forma più armonica ed equilibrata è, infatti, una delle richieste più frequenti.

I motivi più comuni? Una gravidanza, un dimagrimento o il semplice avanzare dell’età. Di fatto, col passare del tempo il seno tende a svuotarsi, e questo cambiamento può provocare malessere a livello psicologico, minando la femminilità della donna.
Allo stesso tempo, una percentuale femminile sceglie di modificare la forma del proprio seno semplicemente per potersi accettare in modo completo.

Qualunque sia la ragione per cui si decida di intervenire con una mastoplastica additiva, il rispetto delle proporzioni è la parola d’ordine di tutti i più validi chirurghi plastici.
La qualità delle protesi e la sicurezza durante l’operazione sono di fondamentale importanza, motivo per cui per eseguire degli interventi al seno è indispensabile rivolgersi a professionisti in grado di selezionare e utilizzare le migliori tecniche.

Per un ritocco più soft scegli la mastopessi

Il normale rilassamento dei tessuti può causare lo svuotamento e la caduta del seno. In questo caso, l’intervento di mastopessi può correggere tali imperfezioni, sollevando il seno e rassodando il décolleté, completando il risultato anche con l’inserimento di protesi o attraverso l’operazione di lipofilling, con la quale il grasso in eccesso viene aspirato da alcune parti del corpo e poi iniettato nelle aree del seno.
Anche in questo caso, pur trattandosi di un’operazione più soft, è necessario effettuare un’attenta visita pre-operatoria. In questo modo si può scegliere la tecnica più adatta a seconda della situazione di partenza e del risultato che si desidera.

Per un risultato sicuro, affidati agli specialisti

Nell’istituto meneghino The Clinic, di fama internazionale quando si parla di cura della bellezza, l’equipe di medici chirurghi specializzati utilizza solo le migliori protesi sul mercato, sia tonde che anatomiche, per raggiungere il miglior risultato possibile.
Abbiamo già detto che la mastoplastica additiva è un intervento molto richiesto, per il quale la visita pre-chirurgica assume forse ancor più importanza dell’operazione stessa.
La visita deve essere effettuata con un approccio personalizzato, la situazione di partenza e le aspettative di ogni paziente. Il chirurgo diventa un vero e proprio sarto, che lavora per offrire un risultato su misura, con professionalità e competenza.

Rifarsi il seno in estate?

Rifarsi il seno anche in estate, approfittando del periodo di vacanza e di relax.

Con chirurgia plastica o estetica si intende un insieme di tecniche, trattamenti e applicazioni per la correzione di difetti estetici che possono creare disagi nella vita quotidiana. Tali difetti possono essere di natura congenita, legati all’età, oppure dipendenti da fattori esterni, ma attraverso l’impiego di tecniche e materiali innovativi ogni parte del corpo può essere trattata in modo mirato e con ottimi risultati.

Il desiderio di cambiare raramente è soltanto legato all’aspetto estetico, spesso invece ha radici molto più profonde. Un decolleté pieno e femminile, per esempio, è il sogno di tantissime persone, per svariate ragioni.

Perché rifarsi il seno?

Quando il seno è troppo piccolo rispetto alla figura, la quotidianità di una donna potrebbe risultare difficile. Infatti, tantissime donne si sentono poco femminili per colpa di un seno che non è proporzionato al resto del corpo, con un volume troppo ridotto, forme quasi inesistenti, che finiscono per far perdere autostima.

Esistono anche casi in cui i seni hanno volumi molto differenti tra loro, causando uno squilibrio notevole nell’armonia del corpo. Si tratta di una condizione piuttosto frequente, sulla quale si può serenamente intervenire al fine di ottenere due seni perfettamente simmetrici.

In altri casi, dopo gravidanza e allattamento, il seno può risultare completamene svuotato, lasciando dietro di sé pelle cadente e priva di tono. Per rimpolparla, si può intervenire posizionando protesi artificiali, oppure, se la problematica non è eccessiva, attraverso un intervento di mastopessi. Stesso discorso vale per le conseguenze di un forte dimagrimento, quando il tessuto poco elastico non riesce a ritornare alla forma originaria.

Infine, si può desiderare di rifarsi il seno dopo operazioni e trattamenti antitumorali, per ripristinare le forme del décolleté allontanando il ricordo della difficile esperienza affrontata.

Rifarsi il seno in tutta sicurezza

Si tratta di un intervento delicato che richiede esperienza e delicatezza.
Per questo, il nostro consiglio è di scegliere attentamente gli specialisti a cui affidarsi. TheClinic è un istituto nel cuore di Milano, dove l’operazione di mastoplastica additiva viene effettuata nella massima sicurezza e nel totale comfort per la paziente. Nell’arco di 45-60 minuti il vostro nuovo seno prenderà vita senza lasciare lividi e mantenendo le cicatrici ben nascoste nei solchi naturali della pelle.

Un seno nuovo in totale sicurezza

seno nuovo

È proprio vero: ogni anno, quando si avvicina l’estate, il flusso di richieste per l’operazione al seno si intensifica notevolmente.

I seni sono organi soggetti a cedimenti e a peggioramenti dal punto di vista estetico.
Le cause possono essere diverse: cambiamenti ormonali, aumento e perdita di peso, gravidanze, allattamento e altri fattori come l’effetto nel tempo, della forza di gravità e dei movimenti quotidiani.

Quando si decide di ricorrere a un intervento per regalarsi un nuovo seno, onde evitare un nuovo stiramento, è importante scegliere una protesi mammaria leggera.
Questa migliora la sicurezza e il comfort della paziente, riducendo le forze gravitazionali sul tessuto mammario e sulla struttura scheletrica.

In theClinic utilizziamo le metodiche più innovative e solo materiali di altissima qualità, come ad esempio le protesi B ∙ Lite®, la protesi mammaria più leggera in assoluto. Risultato di 10 anni di ricerca, sviluppo e test approfonditi. Il loro peso è del 30% in meno rispetto alle protesi mammarie tradizionali in silicone, pur garantendo la forma, la sensazione e il volume desiderati.

Scegliere gli specialisti giusti per l’intervento al seno

Esistono molti medici che non hanno la specializzazione in chirurgia plastica, e che quindi non hanno la formazione necessaria per effettuare interventi di questo tipo. In The Clinic teniamo molto a questo argomento, perché le pazienti troppo spesso non sono a conoscenza di informazioni fondamentali preventive.

Rivolgetevi sempre a medici competenti e con una certa esperienza, come l’equipe di theClinic, pronta a supportarvi in ogni fase dell’intervento che vi donerà un meraviglioso seno nuovo.

Aumentare il seno

Aumentare il seno è uno degli interventi più richiesti dalle donne italiane. 

Sono oltre 950 mila gli interventi totali di chirurgia estetica in Italia, che si ritrova al 5° posto mondiale.
Il merito della crescita continua in questo settore va certamente alla ricerca scientifica e alle metodologie innovative adatte alle necessità più disparate. 
I motivi che spingono i pazienti a rivolgersi a medi i estetici sono diversi: dall’età all’insicurezza, dal bisogno di sentirsi a proprio agio all’avere il controllo sul proprio aspetto.
D’altro canto non si parla solo di mera vanità, perché la cura del corpo è importantissima quando coinvolge il personale stato di salute generale.

Aumentare il seno: farlo in totale sicurezza

Da quando è nata la chirurgia estetica, senza alcun dubbio l’intervento più richiesto è stato quello per aumentare il seno.
Un seno troppo piccolo, svuotato o cadente può destare imbarazzo in una donna, che vede cambiare  il volume e le forme originarie.
Per aumentare il seno, però, vi sono degli elementi imprescindibili di cui tener conto: primo fra tutti il rispetto delle proporzioni, ma anche la sicurezza e la qualità delle protesi e dell’intervento nel suo complesso.

Per questo da theClinic invitiamo le pazienti a scegliere con attenzione le mani a cui affidarsi, perché i pericoli sono sempre dietro l’angolo, soprattutto se pensiamo alle promozioni o alle offerte stracciate che possiamo trovare in giro.

Ricordate che la clinica deve essere affidabile, sempre disponibile e con il massimo livello di sicurezza e di comfort. Da theClinic usiamo protesi Polytech, le migliori (e più costose) presenti sul mercato, e la nostra equipe di medici ha alle spalle anni e anni di esperienza nella cura del seno, dopo migliaia di interventi effettuati.

Al momento di prendere una decisione, è quindi necessario essere consapevoli non solo del proprio corpo, ma soprattutto della persona alla quale lo affidiamo. Solo in questo modo potremo scegliere in maniera serena se e in quale modo intervenire.

Protesi al seno: la novità è B-Lite®

B-Lite® è una delle protesi seno migliori per l’operazione di mastoplastica additiva, l’intervento di chirurgia più richiesto dalle donne in Italia e nel mondo.

Molte donne si sentono insoddisfatte di alcuni elementi del loro aspetto, non solo dal punto di vista puramente estetico. 
L’età, i cambiamenti ormonali, l’aumento o la perdita di peso, la gravidanza, l’allattamento e altri fattori esterni, riducono inevitabilmente la qualità e l’integrità dei nostri tessuti elastici.
Nel caso del seno, la gravità, i movimenti quotidiani e gli stiramenti contribuiscono a un ulteriore cedimento, ulteriormente aggravato in presenza di mammella aumentata.

Una delle maggiori richieste che le pazienti fanno al proprio chirurgo, infatti, è la mastoplastica additiva, un aumento del seno che mantenga comunque una certa naturalezza.

Impossibile? Niente affatto.
Sono lontani i tempi in cui il seno rifatto era palesemente riconoscibile, perché l’innovazione in campo medico negli ultimi anni ha fatto enormi progressi.

B-Lite®: La protesi seno più leggera e naturale in assoluto

Ispirata ad una tecnologia usata dalla NASA, brevettata con gel di silicone coesivo arricchito di microsfere cave di borosilicato, questa protesi è il risultato di 10 anni di ricerca, sviluppo e test approfonditi.

Quali sono le novità di questa protesi seno?

  • Dona il volume desiderato senza aggiungere peso extra, grazie alla sua leggerezza;
  • Riduce l’effetto della trazione verso il basso di oltre il 30%;
  • Migliora il comfort delle pazienti e la loro sicurezza, garantendo una stabilità dei risultati nel tempo;
  • Riduce il dolore post operatorio, e il tempo di recupero;
  • Migliora imaging in Ecografia e Mammografia.

B-Lite® è una protesi seno davvero rivoluzionaria, e puoi trovarla presso theClinic, l’istituto di bellezza nel cuore di Milano, dedicato alla cura del corpo nella sua completezza.
Richiedi informazioni sull’intervento di mastoplastica additiva con protesi seno B-Lite®, l’equipe di chirurghi estetici della clinica saranno a tua disposizione.

Seno femminile

Nonostante sia spesso un elemento molto chiacchierato, il seno di una donna, simbolo universale della femminilità, rappresenta ancora un mondo da scoprire.

Ecco alcune interessanti curiosità che potresti non conoscere.

  1. Seno destro e seno sinistro non sono uguali: il secondo, infatti, è leggermente più grande del primo. Di conseguenza, anche la forma può differire, ma si parla di differenze davvero minime, ricontrabili solo con un’attenta misurazione.
  2. In Italia, l’aumento del seno (mastoplastica additiva) è al primo posto tra gli interventi di chirurgia estetica, per un totale di circa 200 mila operazioni all’anno. L’età media di chi decide di sottoporsi a questo tipo di intervento è di 30 anni.
  3. Anche i capezzoli meritano attenzione, e ne esistono di vari tipi: si va dagli sporgenti, agli invertiti, agli asimmetrici, e qualsiasi inestetismo può essere risolto mediante soluzioni ad hoc di chirurgia estetica.
  4. Certamente il peso del seno di una donna varia in base alla sua dimensione, ma in media un seno pesa intorno agli 0.5 kg, ovvero l’1% del peso corporeo di una donna.
  5. La capacità di allattare non dipende affatto dalla grandezza del seno (né viene impedita da una mastoplastica, purché svolta a regola d’arte). Se un seno è più grande significa che presenta una maggiore quantità di tessuto adiposo, ed è indipendente dalle ghiandole mammarie.
  6. Il seno cambia nel tempo. Quando si è più giovani, la sua composizione gli permette di essere alto e sodo, ma con il trascorrere degli anni, aumenti o diminuzioni di peso corporeo lo portano a modificarsi in grandezza e forma.
  7. Il fumo fa male anche al seno. La composizione chimica della sigaretta non solo accelera il processo di invecchiamento della pelle, ma comporta anche la distruzione delle proteine dell’elastina, causando il cedimento dei tessuti.

Trattare bene il proprio seno, e in generale il proprio corpo, è il primo passo verso la cura della bellezza femminile, ma talvolta, a causa di fattori genetici o esterni, anche attenzioni costanti possono non bastare. Per questo esistono le soluzioni di medicina e chirurgia estetiche, da contemplare nei casi in cui necessitiamo di un aiuto più incisivo.

Che abbiate bisogno di una mastopessi o di una mastoplastica, di trattamenti specifici per il viso o per eliminare il grasso in eccesso, da theClinic troverete la soluzione ideale.
Questo istituto di fama internazionale ospita un’equipe di medici chirurghi specializzati opera ogni giorno per offrire il meglio delle tecnologie presenti sul mercato, accompagnando ogni paziente nella scelta delle soluzioni più adatte alla loro bellezza.

Rifarsi il seno

Esistono numerose ragioni per cui una donna desidera rifarsi il seno.
Può volerlo per ripristinarne la forma a seguito di traumi, per correggere un difetto estetico o per incrementare l’autostima.

Il mondo della medicina e chirurgia estetiche stanno facendo passi da gigante di giorno in giorno. Offrono soluzioni che, se effettuate da personale specializzato, rimodellano il corpo sotto ogni aspetto, migliorandone le forme e gli equilibri.

Perché una persona si rivolge al chirurgo estetico?

La maggior parte delle volte, le persone decidono di intervenire sul proprio aspetto perché c’è qualcosa di esso che le mette a disagio. C’è chi è costretto a convivere con inestetismi e difetti dovuti ad anomalie fisiche, traumi, alterazioni che creano imbarazzo, fino a minare l’autostima e la sicurezza in se stessi. D’altro canto, molte altre persone decidono di concedersi un ritocchino per motivi essenzialmente estetici, ma non per questo meno importanti. Anche l’estetica, infatti, gioca un ruolo molto importante nell’acquisizione di autoconsapevolezza.
Se in precedenza si desiderava stravolgere le forme del corpo, adesso si punta alla naturalezza, non all’esagerazione.

Boom di interventi per rifarsi il seno

Negli USA, rifarsi il seno è al primo posto nella classifica degli interventi più richiesti, seguito da lipoaspirazione, rinoplastica, blefaroplastica e lifting. In Italia, la situazione non è molto diversa: il nostro Paese supera il milione di interventi estetici, ed è nella top ten dei posti in cui viene eseguito il maggior numero di trattamenti estetici. Anche da noi, rifarsi il seno è l’intervento più gettonato, a pari merito con la rinoplastica.
Negli ultimi anni, in particolare, la richiesta di ritocchini estetici ed interventi chirurgici è esplosa da parte degli under 25, indice di quanto la nuova generazione sia dipendente dal concetto di immagine e, allo stesso tempo, molto insicura del proprio aspetto, scovando difetti estetici anche dove non sono presenti.

L’operazione di mastoplastica additiva

Rifarsi il seno non è uno scherzo, per questo è indispensabile rivolgersi a chirurghi specializzati per farsi visitare e, solo in seguito, eventualmente operare. Rifarsi come, quando e dove si vuole, senza porre alcun limite, è il presupposto più sbagliato quando ci si rivolge ad uno specialista. La visita preliminare serve anche a questo, deve essere attenta e trasparente, non deve creare false aspettative, ma illustrare chiaramente risultati ottenibili ed eventuali complicazioni. Un bravo chirurgo deve tener conto della costituzione della paziente, del tipo di pelle, della grandezza del seno originario, e solo in seguito potrà trovare il punto di incontro tra i desideri della persona e la loro fattibilità.

Vorreste migliorare il vostro aspetto, ma non sapete da dove iniziare? Rivolgetevi all’istituto the Clinic: i suoi chirurghi plastici specializzati sono a disposizione per qualunque esigenza di bellezza, e potranno guidarvi verso le scelte migliori per la vostra persona.